Martedì 11 Dic 2018
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default style
  • blue style
  • green style
  • red style
  • orange style

 

Dottor Luigi Losacco
Responsabile Unità di Coloproctologia presso la Struttura Operativa Complessa dell’Ospedale di Rovigo

 

 INTERVISTA SUL SITO "EMORROIDI E STIPSI"


Dr. Losacco, Lei è il Coordinatore Responsabile dell’UCP (Unità di Colo Proctologia), come si articola la sua attività?

Ebbene, coordinare questa 'chirurgia specialistica', che non è necessariamente un fatto esclusivamente chirurgico, significa occuparsi del paziente con un problema colo proctologico 'a 360 gradi'; seguiamo idealmente i nostri paziente in un percorso che inizia nel momento in cui giunge alla nostra prima osservazione in ambulatorio e si completa quando il paziente ritorna al suo contesto sociale con il problema risolto. Per conseguire al meglio questi obiettivi è necessario poter disporre di spazi dedicati (ambulatori esclusivi ed ambulatori correlati, Sedute Operatorie, personale dedicato); questi requisiti  costituiscono la base per una Proctologia di Eccellenza.

Com’è articolato l’Ambulatorio Proctologico?

Per Storia propria di questa specialità, la Proctologia come anche la Pelvi-Perineologia nasce negli ambulatori, molto spesso i problemi vengono già risolti lì e la chirurgia è 'solo' un’opzione, talvolta indispensabile, ma non è un’esclusiva terapeutica.

Quali trattamenti terapeutici sono a vostra disposizione?

Bisogna sostanzialmente distinguere due tipologie di trattamento, alcuni sono di carattere ambulatoriale, altri sono interventi chirurgici veri e propri eseguibili in sala operatoria. Una Moderna ed Efficiente UCP deve essere in grado di assicurare le tipologie di soluzioni diagnostiche e terapeutiche, comprese le chirurgiche, più all’avanguardia possibile nel campo della Proctologia e Pelviperineologia.

Come si integra l’UCP con le altre SOC dell’Ospedale di Rovigo?

L’UCP è di necessità integrata con le altre SOC dell’Ospedale; sia gli aspetti diagnostici come anche quelli terapeutici devono di necessità integrarsi per poter consentire di affrontare globalmente i problemi. Ad esempio, nella pelviperineologia c’è la necessità di affrontare le problematiche cliniche in maniera non solo multidisciplinare ma anche interdisciplinare, nel nostro ospedale è attivo un Ambulatorio Interdisciplinare, dove 3 specialisti (il proctologo, l’urologo ed il ginecologo) visitano assieme le pazienti, e, talvolta, proseguono la loro terapia chirurgica assieme, sebbene ognuno operi il proprio comparto. Questo è davvero un bel successo e le dirò di più, sono poche le realtà dove questo avviene. Il centro pelvico è costituito da tanti specialisti, che si ritrovano in maniera interdisciplinare, a parlare lo stesso linguaggio.

Altri articoli...